Si avvicinano i malanni di stagione. Nei bambini piccoli le tube di eustachio, ovvero i canalini che collegano il naso con le orecchie, sono molto corte e più orizzontali rispetto a quelle degli adulti. Questa particolare conformazione facilita il passaggio e il ristagno di catarro e germi provocando facilmente infiammazioni ed infezioni, come l’otite.

Fino ai 2/3 anni di vita i bambini non sono in grado di soffiare adeguatamente il naso, quindi dobbiamo ricorrere all’aiuto tanto temuto del lavaggio nasale.

Parliamoci chiaro, questa pratica è fastidiosa e mal digerita non solo dai bambini ma anche dagli adulti. Risulta tuttavia di grande aiuto per rimuovere il catarro mediante l’aspirazione, ossia attraverso gli appositi aspiratori nasali.

Nel bebé il lavaggio del nasino deve essere fatto solo se necessario, quando il bambino è raffreddato e respira male, quando lo stato di raffreddamento impedisce il sonno o inibisce l’appetito, e comunque sempre meglio prima dei pasti e della nanna.

Come si fa?

Aspiriamo della fisiologica sterile con una siringa da 1 o 2,5 ml, se si tratta di un neonato, o da 5/10ml se il bambino è più grande, avendo cura di togliere l’ago immediatamente dopo l’aspirazione della soluzione.

Se il bambino è piccino, è necessario sdraiarlo sul fianco. Si procede poi con la somministrazione della fisiologica partendo dalla narice superiore (se girato sul fianco sinistro, si parte dalla narice destra e viceversa). Se il bambino è più grandicello, il lavaggio può essere praticato da seduto o in piedi.

Qualche suggerimento:

  1. se il bimbo è agitato e si muove molto, possiamo fasciarlo con un lenzuolino (in modalità wrapping) cosi da ridurre i tempi di somministrazione ed evitare che si faccia male nel compiere movimenti bruschi e inconsapevoli;
  2. acquistare il boccettone in vetro di fisiologica da 100 ml se si tratta di un bambino piccolo o quello da 250/500 ml. Le nostre tasche ne saranno felici. Utilizzare i flaconcini monodose quando si è lontani da casa;
  3. associamo il lavaggio all’aspirazione, meglio se a bocca, che consente a mamma e papà di adattare la forza di aspirazione all’età del bambino;
  4. il materiale utilizzato deve essere sterile e monouso, dobbiamo quindi cambiarlo ogni volta avendo cura di coprire con garza o cotone la boccetta in vetro rimasta aperta;
  5. chi esegue il lavaggio deve lavarsi bene le mani, sia prima che dopo la pratica.

Detto questo, grande solidarietà a tutti voi!